Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

lunedì 3 novembre 2008

Che tenerezza!


Non potevo fare a meno di scrivere qui qualcosa che mi ha emozionato. Io colleziono ricette da quando ero bambina. Non so perché ma è sempre stata una mia passione: ai tempi non c'era internet, non c'era nemmeno il computer, e man mano che il numero dei volumi e dei quaderni cresceva, la fatica di tenere le ricette in ordine aumentava. E allora indici scritti a penna, pazientemente stilati nei pomeriggi d'inverno...
Ricette di altri tempi, che ora forse non rispecchierebbero più il nostro modo di cucinare.
Eppure oggi non ho resistito, e sono andata in cantina a prendere i due più vecchi quaderni ad anelli (risalgono agli anni '80, periodo in cui facevo le scuole elementari) in cui ho raccolto le mie ricette. Forse i primi. Odorano un pò di muffa, e sono pieni di ricordi emozionanti. I colori, le immagini, per me tutto è come se venisse da una fiaba.
C'è persino una collezione di riviste del Mulino Bianco a cui ero abbonata, e che mi arrivavano per posta: pochi fogli in color giallo paglia, pieni di consigli e di pubblicità; ma di quella bella però, dove le idee erano impaginate al punto giusto, per cui tu leggevi la ricetta e pensavi di andare a comprare quel prodotto per provarla. E poi erano ricette dove tu potevi ancora creare qualcosa, e non dovevi usare una serie di prodotti già pronti da mettere solo in pentola o in forno, che ti davano solo l'illusione di aver cucinato.
Ai tempi cucinavi davvero. E "mangia sano, torna alla natura", era una cosa che poteva anche essere vera.
Vorrei recuperare un pò di queste ricette. Vorrei metterle su questo blog, magari riuscendo a fare quello per cui mi sono ammattita per milioni e milioni di ore, ovvero trovare un modo di avere a portata di mano tutte le mie ricette.



2 commenti:

Sanny ha detto...

Anche io ho un sacco di ricordi legati a quei quaderni... il primo è che mi era proibito toccarli ("li perdi, li rovini...!"), poi ricordo che mi sembravano cose così "da grandi" che non ho mai osato avvicinarmi. E vederti ai fornelli, ha sempre rievocato una sorta di alchimia. La cosa bella era che alla fine del rito c'era sempre la casa profumatissima e una cosa buona dentro il forno... Che ne dici di tornare a mettere a punto qualche nuovo rituale?

Mela ha detto...

Allora devi venire a trovarmi!
Se no chi se le mangia le cose che preparo???

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...