Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

venerdì 13 maggio 2011

Torta Paradiso, o nel mio caso, Ciambellone

torta paradiso

Uova, uova fresche, tante uova! Che farne? In primis, frittate. Ma poi il colesterolo minacciava di salire alle stelle, quindi servivano altre idee. In realtà, sono arrivate (grazie amiche!), ma quella che mi ha convinto di più è stata la Torta Paradiso. Anzi, nel mio caso, dovrei dire il Ciambellone Paradiso.
Essì, perché ormai conoscete le mie debolezze: altro giro, altra torta, ovvero una nuova ricetta per una nuova tortiera. Sì, lo confesso: in questo periodo sono cooking-shop addicted, e davanti alla tentazione di rinnovare la mia collezione di tortiere non resisto.
La mia bimba ha detto "mamma, mettiamo qui!" indicando il carrello, e la tortiera che avevo tra le mani e che osservavo da un pò è finita tra gli acquisti.
Non acquistavo uno stampo a cerniera (doppio fondo: ciambella e normale) da tanto tempo, perché in realtà non mi hanno mai troppo convinto: richiedono tanta manutenzione per essere mantenuti in perfetta pulizia, ed in realtà non sono così facili da pulire (tanti residui nei bordi).
Una parte dell'impasto, nonostante fosse "antigoccia", fuoriesce sempre dalla cerniera (per abitudine  uso sempre un piatto in pirex sotto, per limitare i danni).
Per il resto, invece, sono abbastanza soddisfatta: carina la forma, perfetta la superficie,  facile a sformarsi.
La ricetta si presta alla perfezione a fare da ciambellone (da tanto tempo avevo voglia di fare un bel ciambellone alto da prima colazione!), ma, forse per i miei piccoli cambiamenti rispetto alla ricetta originale, ho riscontrato qualche difficoltà: rinnuncerei volentieri alla "doppia temperatura di cottura" per farla cuocere direttamente in forno caldo, come tradizionalmente. Per il mio forno è decisamente meglio.

torta paradiso

ingredienti
  • fecola di mais, 250g 
  • zucchero a velo, 125g
  •  zucchero semolato, 3 cucchiai colmi
  •  uova, 6
  •  burro, 250g
  •  lievito, 1 bustina
  •  scorza di limone, q.b. 

preparazione


Semplicissima.

torta paradiso
Lasciate il burro ad ammorbidire per una mezzoretta (tempo variabile in base alla temperatura). Non deve essere sciolto ma solo morbido. Potete usare il microonde a bassissimo wattaggio.
Montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso (io la prossima volta separerei i tuorli dagli albumi, aggiungendo le chiare a neve solo alla fine).

Unite il burro morbido ma non liquido, e continuate a montare.

Terminate con fecola e lievito setacciati, ed un pò di scorza di limone grattuggiata.

torta paradisoHo infornato in stampo a ciambella da 24cm, a 180° per 60 minuti (forno statico).

Forno ventilato 180° per 50 minuti.
   

4 commenti:

janefonda ha detto...

la torta (o ciambellone) paradiso è la fine del mondo, non ho mai abbastanza uova per farla ma è buonissima/o. A vederla così bella al prossimo giro la provo.

Eleonora ha detto...

dai...dammi un pezzetto di paradiso...

Stefania ha detto...

che coincidenza ne ho postata una anche io oggi ma farcita con crema al latte, se ti va dai un occhio http://nuvoledifarina.blogspot.com/2011/05/torta-paradiso-con-crema-al-latte.html

Simona ha detto...

brava meravigliosa ...

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...