Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

giovedì 11 aprile 2013

Crackers e grissini con scarti di lievito madre

Questo è il mio modo di riutilizzare gli scarti del lievito madre. Non si tratta di veri e propri crackers sfogliati (di cui sto ancora cercando una valida ricetta), ma sono delle ottime sfogliette croccanti, cui potete dare la forma che preferite, anche quella di grissini intrecciati.

scarti di lievito madre

Da quando mi prendo cura di Cuccciolo e gli scarti dei rinfreschi non fanno che prolificare, il problema di come smaltirli è all'ordine del giorno. Sapete bene che buttare via il lievito madre sembra quasi un crimine.

Farne un lievitato soffice è impossibile: malgrado io continui a non darmi per vinta, è davvero difficile far lievitare qualcosa con un lievito non rinfrescato!
Lo so, fa parte dell'ABC della pasta madre, ma io ho la testa dura!

Quando mi convinco a ragionare e a fare ciò che tutti mi insegnano, quindi, ne faccio dei buonissimi crackers, o dei grissini, che si conservano molto a lungo in una bustina di plastica trasparente per alimenti, o in una scatola di latta.

scarti di lievito madre

Esistono molte ricette di crackers e grissini con gli scarti: calcolando le dovute proporzioni, in base al quantitativo di lievito madre che mi ritrovo, al momento uso sempre questa. Perché il risultato è gustoso, il procedimento facile, e la consistenza non male.

Sono sicura che ne esisteranno di altre, ma non ho avuto tempo di approfondire la mia ricerca, e nella fretta continuo ad andare sul sicuro. Mi piacerebbe arrivare all'obiettivo di fare dei crackers friabili come quelli comprati, ma ancora brancolo nel buio: spero di potervi presto raccontare di esserci riuscita... voi potete aiutarmi?


scarti di lievito madre

ingredienti

Ricetta di Fables de sucre
  • 210 g di pasta madre non rinfrescata
  • 105 g di farina 0 
  • 40 g di acqua tiepida
  • 20 g di olioextravergine di oliva
  • 7 g di sale fino
preparazione

Nella ciotola della planetaria  o in una semplice ciotola con una forchetta sciogliete la pasta madre con l’acqua. Se la pasta madre non è rinfrescata da più di 1 settimana, potete aggiungere, come scrive Eva, un pizzico di bicarbonato.

Come per un rinfresco, aggiungete la farina mescolando un pò.
Prima che sia un impasto asciutto aggiungete l’olio e il sale.
Se state utilizzando la planetaria, impastate alla velocità minima per circa cinque minuti fino alla completa incordatura (se necessario aggiungete un goccio d’acqua).

Stendete in una sfoglia sottile, tagliate e formate.
Potete aggiungere semi di sesamo, papavero, sale grosso, o quel che desiderate, sulla superficie, ma io non lo faccio mai.
Coprite mentre il forno si riscalda e cuocete a 180° per 20 minuti, o finché non sono appena coloriti (altrimenti induriranno).



-----------
© Melazenzero. Immagini e contenuti sono protetti da copyright. Si prega di non utilizzare le immagini senza previa autorizzazione. Se si vuole ripubblicare questa ricetta o i concetti espressi nella descrizione, si prega di ri-scrivere la ricetta con parole proprie, e porre sempre e comunque un link a questo post per la ricetta.

5 commenti:

Federica ha detto...

Li faccio spesso anch’io per riutilizzare gli scarti di LM quando non li uso per delle specie di piadine. Però inverto le proporzioni, cioè qt di LM inferiore rispetto alla farina. Sono una “droga” :)) Baci, buona giornata

Memole ha detto...

Sfiziosi!!!

alessandra purificato ha detto...

Sono bellissimi!
Voglio provare anche io. Mi piacciono tantissimo.
A presto!
Alessandra

Karina Cosm ha detto...

Ciao il tuo blog mi piace tantissimo complimenti!!!!da oggi nuova follower passi da me?a presto cara!

http://assaggi-incucina.blogspot.it/

http://karinacosmetic.blogspot.it/

Karina Cosm ha detto...

Ciao il tuo blog mi piace tantissimo complimenti!!!!da oggi nuova follower passi da me?a presto cara!

http://assaggi-incucina.blogspot.it/

http://karinacosmetic.blogspot.it/

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...