Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

lunedì 15 aprile 2013

Focaccia dolce a lievitazione naturale con gocce di cioccolata

Una focaccia dolce sofficissima preparata con il lievito madre, cui si aggiungono le gocce di cioccolato per un tocco di golosità.

focaccia dolce a lievitazione naturale, con gocce di cioccolato

Certe cose sembrano favole da raccontare. Pur nella loro semplicità, mettono di buonumore.
Questa focaccia ne è un esempio, e non ve lo dico solo per arte narrativa, ma perché quando riesco a tirar fuori qualcosa di buono dal forno, provo un senso di soddisfazione che irradia benessere anche nelle condizioni più insperate.

Che sono alle prime armi lo sapete. Quindi, voi esperti panificatori, non sorridete di me se mi soddisfa essere riuscita a fare una semplice focaccia. Un pò c'è l'entusiasmo del principiante, un pò c'è la magia della panificazione.

focaccia dolce a lievitazione naturale, con gocce di cioccolato

La storia nasce in una terra calda, la sicilia. Terra in cui ad Aprile ci sono già 28 gradi C.
Quindi succede di passare due o tre giorni a pianificare le giornate per riuscire ad impastare una brioche, per poi ritrovarsi col lievito bello arzillo ma che comincia a calare di qualche millimetro per il caldo. Che faccio?

La mia amica più esperta di me mi spiega i rischi, e mi suggerisce una ricetta "di semplice lievitazione", dove la possilità di sentire l'acidità della pasta madre è inferiore. Scelgo una focaccia,  la voglio dolce.

focaccia dolce a lievitazione naturale, con gocce di cioccolato

Ma è una congiura: visite, confusione, campanello che suona, sembra che 'sta focaccia non s'ha da fare. Non demordo: metto in forno la cena, mi tolgo tutte le priorità, e comincio ad impastare che è già tardi. Così facendo la focaccia avrebbe finito di lievitare  alle 4 del mattino. Che faccio?

Qualche quarto d'ora di riflessione, alla fine decido di farle fare le prime ore a temperatura ambiente, ed il resto della notte in frigo. Quindi impasto, mi metto davanti alla tv, lei si fa le prime tre ore di lievitazione, e poi ce ne andiamo a dormire, lei in frigo ed io a letto. Riuscirà?

focaccia dolce a lievitazione naturale, con gocce di cioccolato

La mattina presto, al mio risveglio, la tiro fuori dal frigo: so che ci vogliono un paio d'ore perché torni a temperatura e riprenda la lievitazione. Esco, porto Bry a scuola, vado a lavoro, torno per l'una.
La prima cosa che faccio e guardarla, constatare che ha triplicato il suo volume, e per non farla andare oltre con la lievitazione la stendo in teglia: ci vogliono ancora un'ora o due.

Poi pranzo, chiacchiero un pò con un'amica, e lei è pronta. L'originale è una focaccia con le mele, ma alla mia bimba piace il cioccolato. Provo? Provo. Spargo, inforno, e lei cuoce in fretta: diventa bella e dorata in poco tempo. Facile, facilissimo: profumo e aspetto mi danno una grande gioia.

Aspetto un pò che si raffreddi, ed il taglio è una goduria: è sofficissima.

focaccia dolce a lievitazione naturale, con gocce di cioccolato

Si sente l'acidità? Sono curiosissima. Alla fine del pomeriggio rincasano tutti, ed io sto lì a guardarli addentare la mia focaccia attendendo il responso. Buona, molto buona. Per qualcuno si sente un pò (è il sapore del lievito madre), che ben si sposa con il dolce, però. Nella media, ha preso una valutazione alta dai familiari ipercritici. Direi che posso ritenermi soddisfatta, e presentarvela.


ingredienti

Per una teglia diametro 28cm (Ricetta di Fables de Sucre)
  • 200 gr di Farina 00
  • 150 gr di Farina Manitoba 
  • 105 gr di Pasta madre rinfrescata 2 volte
  • 180 gr di Latte intero fresco parzialmente scremato
  • 2 tuorli
  • 70 gr di Zucchero semolato
  • 10 gr di Miele 
  • 1 gr di Sale 
  • 35 50gr di Burro tedesco
  • gocce di cioccolato, q.b.
 preparazione

Mettere in planetaria col gancio K il latte appena tiepido e la pasta madre spezzettata senza schiacciarla con le mani. Avviare a velocità di mescolamento.

Unire le farine setacciate e mescolare ancora.

Sostituire la foglia con il gancio per impastare e unire tuorli, zucchero e per ultimo il miele.
Cominciare ad incordare, ovvero mescolare fino ad ottenere un impasto lucido e ben aggrappato al gancio.

Nel frattempo tirare fuori il burro dal frigo e renderlo appena in pomata. Unirlo a piccolissimi pezzetti, aspettando che il gancio in movimento faccia assorbire il pezzo precedente prima di aggiungerne ancora. Continuare così fino alla fine del burro, quindi unire il sale.

Impasterete in tutto per circa 15-20 minuti.

Mettere in una ciotola unta con coperchio e lasciare in forno spento con lampadina accesa. Dovrà triplicare di volume. Io ho messo in frigo dopo tre ore di lievitazione, lasciando lì per tutta la notte. L'indomani ho tirato fuori dal frigo per 6 ore.

*********

Trascorso questo tempo (circa 8 ore se non usate il frigo) ribaltare l’impasto lievitato sul piano di lavoro infarinato, sgonfiarlo leggermente, e adagiarlo nella tortiera cercando di dargli uno spessore omogeneo.

Quindi ponete ancora a lievitare per un’altra ora e mezza circa. 

Accendete il forno statico a 160°C. 

Unite sulla superficie dei pezzetti di frutta fresca (mela, pera) e spennellate con una noce di burro fuso. Spolverate con zucchero semolato ed infornate per 30 minuti (io 25) o fino a doratura.


-----------
© Melazenzero. Immagini e contenuti sono protetti da copyright. Si prega di non utilizzare le immagini senza previa autorizzazione. Se si vuole ripubblicare questa ricetta o i concetti espressi nella descrizione, si prega di ri-scrivere la ricetta con parole proprie, e porre sempre e comunque un link a questo post per la ricetta.

7 commenti:

Laura ha detto...

Sembra fantastica!!!! Non so so mai avrò la pazienza di poterla preparare...spedisci a casa ?:))) buona settimana

Giada ha detto...

La focaccia dolce è una delle cose che preferisco...peccato che mi abbiano impedito i dolci per qualche mese =((... Ma verra' il tempo in cui la provero', a presto!

mimma ha detto...

buona, buona, buona!!!!
perchè non elimini il capcha???

Mela ha detto...

Mimma, perché tutte le volte che lo elimino (lo faccio periodicamente) ricevo tonnellate di spam. Che se pur filtrato in vario modo, dal momento che io mi servo di varie notifiche via mail e sul cellulare per rimanere aggiornata in tempo reale, finisce col complicarmi la vita.
Passo più tempo a cancellare notifiche che a leggere commenti.
E dal momento che le notifiche mi sono indispensabili, non ho ancora trovato un altro modo di eliminare tutti i commenti indesiderati.
La soluzione sarebbe nell'impedire i commenti anonimi, ma comunque sarebbe a carico di chi desidera lasciare un messaggio.
Confido dunque nella pazienza dei lettori: in fondo si tratta di pochi secondi in più: io li spendo volentieri quando voglio scrivere qualcosa di cui valga la pena.
Grazie per la tua pazienza, dunque.

Anonimo ha detto...

Ciao, complimenti per la ricetta! Siccome avevo molta pasta madre ho deciso di usarne un po' per cucinare qualcosa di diverso oltre al pane che già avevo in programma di fare.Così ho provato la tua focaccia dolce:mai provata tanta soddisfazione nel fare e mangiare un panificato autoprodotto!!!!
Per pigrizia e un po' perchè preferivo non mettere l'impasto in frigorifero, ho deciso di lasciarlo lievitare tutta notte a temperatura ambiente in una citola di vetro, coperta da pellicola.
Ti consiglio di provare anche così, a me è venuta fuori una focaccia che sembra un PANDORO, eccezionale!!!!
Grazie ancora per la ricetta, ti seguirò spesso!
Cristina

silvia ha detto...

Ciao,la ricetta mi ispira molto ma se io usassi il lievito madre in polvere quanto ne dovrei mettere?
Grazie della risposta.
P.S. Ho fatto la pizza con la tua ricetta: fantastica.

Mela ha detto...

Ciao Silvia! Perdona il ritardo.
Ecco il calcolo per la ricetta con lievito di birra fresco.
Puoi utilizzare un poolish che sotituisce la pasta madre, calcolando una piccola parte in pari peso di farina e liquido (prelevate dal totale) e il 3% di lievito di birra fresco, che mescolerai insieme e lascierai a 20-22 gradi per un paio d'ore. Quindi lo userai come lievito per la ricetta, ricalcolando che, tolta la pasta madre, le dosi complessive sono 420gr di farina e 215gr di latte.

In alternativa usa 10 gr di lievito di birra fresco(mantenendo le dosi di farina e latte autmentate) in impasto diretto.
Fammi sapere!

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...