Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

venerdì 30 marzo 2012

Filetti di pesce persico allo zafferano con indivia e finocchi: ricetta facile di quaresima

pesce persico in salsa


La ricetta di magro di questa settimana, per la mia raccolta sulla cucina quaresimale, mi ha visto impegnata sulla mia vecchia agenda di cucina. Dovete sapere che non è un'agenda qualunque, è L'Agenda: quella che viene consultata come un oracolo, che risolve ogni problema o quasi, che ha risposte per tutte le domande.

Con questa ricetta, la cara vecchia agenda ci mette in tavola un piatto semplice da preparare, rapido, ricco nel gusto e leggero nei condimenti (potete anche diminuire la quantità di frutta secca se volete renderlo più light). Avendo tutti gli ingredienti, si prepara in pochi minuti, anche rientrando tardi da lavoro.

Questa è una ricetta di mia suocera, ma non posso giurarvi che sia una ricetta tradizionale. Direi piuttosto che si tratta di una di quelle ricette che lei aveva appuntato, e che poi nel tempo ha sperimentato parlandone bene. E me l'ha passata.
La quaresima volge al termine, ed io non volevo farla passare senza recuperare anche una delle vecchie ricette che appartengono ai nostri antichi cicalecci sui piatti da mettere alla prova.

pesce persico in salsa


Inizialmente, per mio moderno pregiudizio, ero un pò titubante per l'uso della frutta secca in quaresima, ma nelle mie ricerche ho poi scoperto che, a dispetto del loro apporto calorico, le candide  amandole erano consentite, non per conoscenza dei loro valori nutrizionali ma per simpatia verso il loro colore bianco. Lo stesso quindi per i pinoli.

Il persico non è un pesce molto gustoso, ma preparato in questo modo merita davvero: ovviamente potete sostituirlo con qualsiasi altro pesce a filetto o a trancio, purché deliscato, come il merluzzo, il pesce spada, il tonno, l'orata, e via dicendo.
La ricetta è molto rapida perché non richiede molti passaggi e la cottura dev'essere mantenuta "al dente", è pronto in pochi minuti.

Il contorno di indivia e finocchi, preparato col latte, contravverrebbe alle più antiche ed integerrime regole sulla cucina di magro: suppongo che in tempi antichi avrebbero sostituito il latte con acqua.

ingredienti
Per 4 persone:
  • filetti di pesce persico, 4
  • pinoli, 40g
  • olive nere denocciolate, una manciata
  • mandorle spellate, 40g
  • cipollotti, 2
  • vino bianco, q.b.
  • sale e pepe
  • zafferano, 1/2 cucchiaino da caffè

Per il contorno:
  • indivia, 2 cespi piccoli
  • finocchi, 2
  • latte, 4dl
  • sale e olio

preparazione

Ungere una padella dai bordi alti con un pò d'olio, sistemarvi i filetti di pesce persico insieme alle rondelle di cipollotto e alle olive finemente tritate.

Aggiungere le mandorle ed il pinoli (tritati grossolanamente o finemente, a gusto), sale e pepe, e una spruzzata di vino bianco.

Fate cuocere leggermente a fuoco medio, quindi unire lo zafferano sciolto in pochissima acqua tiepida.

Preparare il contorno.

Passare in padella con olio e aglio (facoltativo) l'indivia ed i finocchi sminuzzati.
Aggiungere il latte e portare a cottura.

Servire i filetti sul letto di verdura.

5 commenti:

La cucina di Esme ha detto...

una ricetta di magro sicuramente, ma molto stuzzicante!
baci e buon We
Alice

fantasie ha detto...

ho visto anche tutte le precedenti ricette e devo confessare che mi piacerebbe mangiare no di tutto... varrebbe lo stesso come "dieta" quaresimale? ;)

Pippi ha detto...

che bel piattino..vedi ora che devo pranzare da sola..mi ci vorrebbe proprio..già pronto..hihiih..

veru ha detto...

Ciao, complimenti per la ricetta! Ti invito a partecipare al mio contest.
Trovi tutte le regole qua:
http://www.lacuochinasopraffina.com/le-ricette-degli-altri/a-pranzo-fuori-con-un-contest-spuntino-sopraffino-fallo-velocino/6197

Grazie!

ary/enza ha detto...

mi piace il tuo blog :) splendide ricette e ti seguo con piacere :) se ti va passa da me anche seprime armi :) ciao :) sono alle

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...