Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

sabato 6 marzo 2010

Spaghetti alla marinara in cartoccio

Il cibo al cartoccio, oltre ad essere facilmente presentabile in tavola perché servito direttamente nel suo involucro di carta, è molto leggero e non ha bisogno di particolari condimenti. il suo metodo di cottura è abbastanza semplice e non richiede una grande supervisione o attenzione costante (della serie "lo metti lì e fa tutto da solo"!).

spaghetti al cartoccioAlcune "dritte" per cucinare al cartoccio:
  • I fogli da utilizzare devono essere impermeabili (alluminio, cartaforno o pellicola trasparente adatta al microonde) e devono essere 2 volte più larghi e 3 volte più lunghi delle dimensioni del cibo prescelto, che verrà poi posizionato al centro.
  • Se usate la carta d'alluminio con cibi acquosi suggeriamo di rinforzare il fondo con mezzo foglio in più; se invece i cibi sono asciutti, è meglio oliarla un pò per evitare che si attacchino.
  • Quando chiudete il cartoccio lasciate uno spazio di qualche centimetro che consente la circolazione del vapore e rende perfetta la cottura.
  • Se realizzate il cartoccio con la cartaforno, è meglio inumidirla prima dell'uso, in modo da renderla più maneggevole, e dal momento che è più rigida dell'alluminio, può essere sigillata con acqua e farina o un pò di albume. Rispetto all'alluminio ha il vantaggio di poter essere usata al microonde, non occorre ungerla, ma è meno flessibile.
Sulle modalità di cottura al cartoccio:
  • Se si sceglie il forno, il cartoccio va cotto per 5/15 minuti se la temperatura è tra 200° e 250°. Se richiede cotture più lunghe (un'ora) la temperatura dev'essere abbassata a 160°/180°. se si usa un tegame apposito, si deve rivestirlo con cartaforno e alluminio per evitare bruciature del fondo di cottura o che si attacchi.
  • Nella pentola a pressione si può collocare sull'apposita griglia, il cartoccio deve avere doppio involucro e sul fondo della pentola va acqua fredda in proporzione di 1/4 di litro ogni 5 litri di capienza, con cottura di 12/15 minuti.
  • A vapore cuociono circa 15 minuti, in vaporiera, pentola con colapasta in acciaio o in bambù, con un coperchio bombato che fa sceldere nuovamente il vapore in pentola.
  • Sulla brace il cartoccio va posto o sulla grigli a o fra le ceneri ma bensigillato. ed i tempi sono 15 minuti per i pesci, 20 per la verdura e fino a 30 per la carne.
  • In microonde vanno i cartocci in cartaforno, o sul piatto girevole o su un piatto o tegame in pirex; la cottura è di circa 10 minuti con qualche minuto di riposo, e vanno girati a metà cottura spostando il lato esterno verso l'interno.

Ingredienti per gli spaghetti alla marinara, per 4 persone:

  • 320g di spaghetti
  • 700g di cozze
  • 150g di gamberetti
  • 150g di calamaretti
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 1 zucchina
  • succo di 1 limone
  • sale e pepe
Preparazione:

In una padella fare aprire le cozze accuratamente lavate, estrarle filtrare 2 cucchiai di liquido.
Tagliare i calamaretti ad anelli e sgusciare i gamberi, irrorarli con olio, il liquido delle cozze filtrato, un trito di metà prezzemolo e aglio, limone, sale e pepe. Lasciare riposare almeno 40 minuti.
Passarli velocemente in padella per pochi istanti.
Cuocere la pasta al dente e condirli in un piatto di portata con olio e pepe macinato al momento, mescolandovi poi gamberi e calamaretti.
Trasferire la pasta su un figlio di alluminio, cospargere con prezzemolo e unire la zucchina tagliata a rondelle fini.
Passare il cartoccio in forno per 10 minuti a 200°.

3 commenti:

iana ha detto...

Mi piace tanto questa idea, ottima per conservare tutti i sapori! Splendido!

manuela e silvia ha detto...

La cottura al cartoccio ci piace molto, perchè mantiene meglio l'aroma dei diversi cibi!!
mai provata una pasta però...
Faremo tesoro dei vostri consigli!!
un bacione

Artemisia Comina ha detto...

mi mandi una tua email? artemisia :)

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...