Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

lunedì 7 febbraio 2011

Maltagliati di frolla alle mandorle e miele

IMG_6463

    Sbagliando si impara: nel mio caso significa che sbagliando una ricetta se ne impara un'altra. Chi mi ha seguito ieri su Facebbok sa che volevo fare una crostata, ma uscendola dal forno si è irrimediabilmente rotto il bordo, quindi, essendo vuota, ho dovuto rinunciare a farcirla di crema e frutta.
    Ho asportato tutto il bordo, e sono rimasta in attesa dell'ispirazione riguardo a cosa farne. E' arrivata poco fa: l'ho cosparsa di zucchero di canna, poi di mandorle a lamelle, e infine di miele caldo a filo.
    Pochi minuti di grill.. et voilà!
    Il profumo è dolcissimo, il sapore è aromatico, sono perfetti prima del caffè!

    IMG_6474

    IMG_6470ingredienti
    • un rotolo di pastafrolla, 250gr
    • 2 cucchiaini di zucchero di canna 
    • 1 cucchiaino di miele grezzo
    • mandorle a lamelle q.b.
    preparazione
     

    IMG_6469Cuocete la pasta frolla vuota, stendendola nella teglia senza rialzare i bordi, e lasciatela raffreddare completamente.
    Cospargetela con zucchero di canna, poi con le mandorle.
    Riscaldate il miele al microonde, quindi versatelo a filo su tutta la superficie.
    Passate il tutto sotto il grill per 8 minuti circa, o finché non si sono dorate la mandorle.
    Tagliate con un grosso coltello da chef.




    5 commenti:

    caia coconi ha detto...

    sei una grande!
    mi hai dato una bella lezione :D

    Gianni ha detto...

    è bellissimo sbagliare in cucina.....se poi ne esce una ricetta così buona!!! Bravissima, ciao Gianni

    Mela ha detto...

    Caia, e che lezione sarebbe?
    Semmai posso semplicemente averti suggerito una ricetta!

    Gianni, grazie!

    Federica ha detto...

    bella idea!!!!!!!!!:-)))))))

    Strawberryblonde ha detto...

    io rompo spesso i bordi...ora so cosa fare! grazie!

    www.mammole.it Ticker
    E' per questo che ogni tanto latitiamo...