Foto e contenuto dei post sono di proprietà dell'autrice.

Riproduzioni, anche parziali, necessitano di autorizzazione preventiva.

mercoledì 23 novembre 2011

Crocché di patate (cazzilli)

crocché

A Palermo le chiamiamo crocché di patate cazzilli: come spesso accade nella cucina siciliana, il nome è uno scherzo da prete.
Leggete qui per sapere il significato che panelle crocché hanno nelle nostre strade.
Sono famose in tutta l'isola, ma con una differenza: le crocché palermitane non sono panate, mentre nella sicilia orientale di solito le passano nel pangrattato prima di friggerle.
Le crocché differiscono dalle crocchette italiane per il fatto di non avere nessun tipo di legante: niente uovo, niente formaggio, solo patate e qualche aroma.
Io (pavida) ho usato un uovo, che non è previsto dalla ricetta originale, ma che nello stesso tempo, in queste proporzioni, non interferisce né con il sapore né con il colore.
Qualcuno immagina che per cucinarle ci voglia una sontuosa cerimonia, preparativi, o chissà... ma anche no. La sera prima avevo lessato delle patate, ed il frigo ora era vuoto... e quindi "crocché"!

crocché

Avevo letto, tanto tempo fa, delle ricette, e come spesso accade mi ero persa in ricerche e letture su come fanno gli altri, cosa hanno sperimentato, cosa differisce dal mio modo di preparare una cosa...
E come sempre avevo incamerato tutto tenendolo in stand-by per la volta buona.
Ecco, una sera di frigo desolatamente vuoto è stata "la volta buona".
L'unica cosa era che non avevo voglia di friggere, e ho sperimentato la cottura in forno: prova superata eccellentemente!
Vi scrivo la ricetta per mezzo chilo di patate ma le mie pesavano meno. Quindi ve ne verrà qualcuna in più. Ne ho fatte appena 12 (ehm, 13, una l'ho mangiata subito!), ma questo era quello che potevo fare con gli avanzi a disposizione.

Spero che abbiate avuto la pazienza di leggere fin qui perché questo post non è solo un racconto "folkloristico", ma partecipa anche ad un'importante iniziativa: raccogliere delle ricette che verranno pubblicate in un libro, il cui ricavato andrà in beneficenza per i bambini del Gulliver, la Cooperativa  sociale di Borghetto Vara che si prende cura di anziani, disabili e bambini, che, dopo l'alluvione che giorni fa ha colpito la liguria orientale e la toscana del nord, si sono ritrovati in gravi difficoltà.
Di seguito i dati per contribuire con una donazione: magari queste iniziative ci fossero anche dalle nostre parti, dove il maltempo non ha risparmiato la provincia di Messina.
Mi occuperei personalmente di replicare l'iniziativa, ma sono consapevole di come in questo momento mi manchi il tempo e l'energia.


Qualche dritta sulla preparazione delle crocchette: lessare le patate la sera prima, e lasciarle tutta la notte in frigo, è un buon espediente per compattare l'amido e rendere le crocchette più asciutte.
Io preferisco non passarle al mixer ma allo schiacciapatate, o nel passaverdure: si impastano poi con gli altri ingredienti e si lascia riposare l'impasto ancora un pò.
L'albume sbattuto è quel che le rende lucide in superficie prima di friggerle, mentre il tuorlo lega l'impasto.
Una piccola postilla conclusiva: il piatto è naturalmente gluten-free, ed è una delle pietanze preparate per il giorno di Santa Lucia (13 dicembre, tutto sommato, ci siamo quasi!), giorno in cui a Palermo, per devozione, non si mangiano prodotti a base di grano, ad eccezione del grano intero cotto.

ingredienti
Per circa 15 crocché:
  • patate lesse e sbucciate, 500g (il tipo che si usa per gli gnocchi)
  • uovo, 1
  • sale, noce moscata, prezzemolo, q.b. 
  • olio per friggere
preparazione

Lessate le patate, sbucciatele, tenetele in frigo per una notte.

L'indomani passatele allo schiacciapatate ed aggiustate di sale.
Aggiungete un trito finissimo di prezzemolo e una presa di noce moscata in polvere, impastate col tuorlo sbattuto, e fate riposare il composto ancora un pò (un'oretta o poco più).

Sbattete l'albume e mettetelo in una ciotola.

Date al composto ormai sodo la forma di un cordoncino dello spessore di due dita, aiutandovi con le mani bagnate. Tagliatelo in tanti pezzetti della lunghezza di un dito con un coltello dalla lama bagnata.

Spennellate le crocché di albume, tanto da renderle lucide, quindi, riponete ancora in frigo.
Friggete in olio caldo a 200° per pochi istanti, o, in alternativa (come ho fatto io stavolta) infornate a 200° per pochi minuti (fino a doratura).

11 commenti:

Deniz ha detto...

Hi! happy days!:) Loves from Turkey!;)

www.LensMarket.Com

Mariabianca ha detto...

Hai ragione: i cazzilli non si impanano.
Personalmente,siccome adoro le panature,contravvengo a questa regola.
Bravissima Marcella!!!

fantasie ha detto...

Questa è una di quelle cose, insieme alle panelle che non mi fa rimpiangere di non essere celiaca...!
Baci

Chiara ha detto...

Ottima ricetta per noi col frigo che fa l'eco molto spesso... La proverò senz'altro!

Fabiola ha detto...

sono adorabili......ne mangerei a quintali...

Ilaria ha detto...

Una tira l'altra!!!Come vorrei averne una facciamo due anzi tre....
Complimenti.

Sonia ha detto...

un panino coi cazzilli non lo disdegnerei :)))

Letiziando ha detto...

Adorabili e sfiziosissimi questi cazzilli ;-)

Buona serata

graziella ha detto...

E' la stessa ricetta che faccio io, ma non sapevo si chiamassero pure cazzilli.

cosebuonediale ha detto...

Non faccio le crocché da secoli. Mi hai fatto venire troppa voglia :P

Anonimo ha detto...

Hi! happy days!:) Loves from Holland!:)

www.mammole.it Ticker
E' per questo che ogni tanto latitiamo...